Vespa: Un'icona protetta. La Cassazione tutela la forma con il diritto d'autore

vespa

La Vespa, lo scooter intramontabile di Piaggio, ha conquistato il cuore degli italiani e del mondo intero. Un'icona che, oltre a essere un mezzo di trasporto, è diventata parte integrante della cultura e della storia italiana. Recentemente, la Cassazione ha emesso una sentenza che riconosce e tutela la forma unica della Vespa attraverso il diritto d'autore, mettendo fine a una lunga battaglia legale contro una copia cinese e sottolineando l'unicità dell'opera dell'ingegno di Piaggio.

La Cassazione ha confermato quanto già stabilito nei gradi di giudizio precedenti, riconoscendo il diritto d'autore per la forma della Vespa, prodotta dal 1946 da Piaggio.

Questo storico scooter è considerato un'opera dell'ingegno, e la sentenza enfatizza il suo status come "icona simbolo del costume e del design artistico italiano." Il diritto d'autore non si applica solo al modello originale del 1946 ma si estende a tutte le sue successive elaborazioni, riconosciute come dirette emanazioni del modello originario.

Il design unico, in particolare il manubrio anteriore, ispirò il suo nome. Questo scooter divenne presto un simbolo dello stile di vita italiano e un'icona di design, e la sua popolarità si diffuse in tutto il mondo

La Vespa: Un'Icona nel Tempo

La Vespa non è solo uno scooter; è un simbolo culturale, un elemento presente nei grandi film come "Vacanze romane" e "La Dolce Vita". La sentenza riflette il legame profondo tra questo mezzo e la cultura italiana, riconoscendo le sue qualità creative ed artistiche.

La Cassazione ha sottolineato che la Vespa non può essere replicata non solo nella sua forma originale del 1946 ma anche in tutte le successive versioni, preservandola come un'opera d'arte inimitabile.

La Battaglia Legale Contro la Copia Cinese

La battaglia legale è stata portata avanti con l’arrivo sul mercato della Ves, realizzata dal gruppo cinese Znen. La Corte d'Appello, confermando quanto affermato dalla Cassazione, ha respinto ogni tentativo di copiare l'iconico design di questo mezzo.

La sentenza ha posto fine alla disputa legale, riaffermando l'unicità della Vespa e la sua tutela attraverso il diritto d'autore.

Storia della Vespa

La Vespa è un'iconica scooter prodotta dalla Piaggio & Co. S.p.A. di Pontedera, Italia. La sua storia inizia nel secondo dopoguerra, quando l'Italia aveva un'economia debole e strade disastrate, e c'era un'urgente necessità di un mezzo di trasporto moderno ed economico per le masse. Enrico Piaggio, figlio del fondatore della Piaggio, decise di abbandonare il settore aeronautico per affrontare questa sfida.

La prima è stata disegnata da Corradino D'Ascanio, un ingegnere italiano. Con l'aiuto di Mario D'Este, suo disegnatore di fiducia, D'Ascanio mise subito a punto la sua idea e il primo progetto della Vespa venne prodotto a Pontedera nell'aprile del 1946

Nel 1946, la Piaggio brevettò così il design dello scooter Vespa, che si distingueva per la sua carrozzeria che racchiudeva completamente gli elementi meccanici e le piccole ruote. Il design unico e innovativo, soprattutto il manubrio anteriore, ispirò il suo nome. Il successo dello scooter fu immediato, e nel 1956 la Piaggio vendette il suo milionesimo esemplare. La Vespa divenne presto un simbolo dello stile di vita italiano e un'icona di design, e la sua popolarità si diffuse in tutto il mondo.

Conclusione

La forma della Vespa è un'opera d'arte, una creazione intramontabile che la Cassazione ha deciso di proteggere attraverso il diritto d'autore. La sentenza conferma che questo mezzo è più di uno scooter; è un patrimonio culturale italiano, un simbolo di design e creatività che non può essere replicato. Un verdetto che preserva l'unicità di un'icona su due ruote nel panorama della mobilità mondiale.

Articoli correlati

Go up