Nel Movimento 5 Stelle Abruzzo di sicuro è in atto una bella bagarre pre elettorale come nelle migliori famiglie della ‘vecchia’ politica. Sulla riunione tenutasi a Pescara una settimana fa, e documentata con un video girato dagli stessi attivisti e titolato La senatrice Blundo cacciata dall’Assemblea del M5S di Pescara, la stessa senatrice getta acqua sul fuoco e precisa sulla sua pagina di Facebook:

Sono venuta a conoscenza del rinvio dell’incontro provinciale di Pescara da Giovedì 27 a Venerdì 28, per consentire la partecipazione di A. Colletti e G. Vacca. Trovandomi di passaggio nella zona di Pescara, ho deciso di riorganizzarmi in tal senso per presiedere anche io a quella riunione, come mi era stato richiesto anche da alcuni attivisti del posto. Ero l’unica presente, poiché Andrea Colletti era stato trattenuto per i lavori della camera

All’inizio della riunione il gruppo organizzatore, insieme ad alcuni partecipanti, ha lasciato l’Assemblea, per evitare uno scontro con alcuni dei partecipanti considerati “facinorosi”.

La persona che aveva prenotato ha annullato la prenotazione della sala ed il funzionario dell’albergo ne ha dato comunicazione poco dopo il mio arrivo mentre ero in comunicazione telefonica con una delle persone che avevano lasciato la riunione per avere spiegazioni. Pertanto non c’è stato alcun errore e neppure sono stata cacciata, bensì la sala andava lasciata per evidente annullamento della prenotazione. Ho saputo che si erano riorganizzati in un altro luogo, con circa la metà dei partecipanti e mi sono sentita in dovere di raggiungerli per proporre loro una successiva convocazione della riunione, al fine di consentire la massima partecipazione degli attivisti arrivati successivamente dai vari paesi della provincia  e rimasti interdetti dallo scioglimento dell’Assemblea senza capirne il motivo. In riferimento a quanto accaduto auspico che venga fatto al più presto chiarezza con un “Comunicato Ufficiale”che  motivi l’allontanamento delle suddette persone. La riunione provinciale si è poi  regolarmente svolta Lunedì 29 Luglio e sono stati votati i candidati da presentare alla lista per le regionali.

In realtà, in una e-mail inviata dalla senatrice al gruppo locale aquilano, la ‘circostanza fortuita’ della sua presenza a Pescara viene smentita dalle sue stesse parole e si parla espressamente di «gravissime problematiche» sorte all’interno del movimento pescarese, tanto da rendere necessaria la presenza di una «garante» aquilana.

A parte le versioni ‘ufficiali’ e ‘ufficiose’ di una vicenda a dir poco grottesca, vorremmo sollecitare le dieci domande di Grillo alla quali i massimi referenti del M5S Abruzzese si rifiutano di rispondere: 1) Onestà: mentre a livello nazionale si accusa la Presidente della Camera Boldrini di gestire una “Camera Oscura”, perché i parlamentari abruzzesi si rifiutano di pubblicare i curricula dei loro assistenti parlamentari? 2) Meritocrazia: è vero che per affrontare i temi della Cultura e dell’università italiana, l’on. Vacca ha deciso di farsi assistere dall’usciere dell’Università di Chieti nominandolo Assistente parlamentare? 3) Meritocrazia e trasparenza: Perché la senatrice Blundo si rifiuta anche solo di rendere pubblico il nome del suo assistente parlamentare? 4) Trasparenza: chi gestisce le assemblee del M5S in Abruzzo? 5) Trasparenza: chi decide le persone da escludere dal M5S Abruzzo? 6) Trasparenza e coerenza: se il “Non Statuto” di Grillo nega l’esistenza di ” sovrastrutture” chi ha deciso di costituire un “comitato di garanzia” per scegliere le candidature? 7) Onestà: perché la Blundo mente sulla vera natura della sua presenza all’Assemblea di Pescara e fa una ricostruzione in stridente contrasto con la realtà del filmato? 8) Onestà e Trasparenza: Chi sta prenotando sale congressi negli alberghi di Pescara dove tenere riunioni per decidere le candidature? Con quali fondi? 9) Coerenza: Perché l’on. Vacca, solo due ore dopo aver scritto sul suo blog che “Chi pensa al regolamento, alla struttura, alle cariche ecc… e non ai problemi del proprio territorio, non è da Movimento 5 stelle.”, in un forum ristretto dei MeetUp indica i termini e le modalità per le candidature? 10) Onestà e trasparenza: Se, come asserito da più fonti, esistono già i nomi delle candidature, perché non sono stati ancora resi noti i nominativi e le modalità con i quali sono stati scelti?

 

Condividi