Il visto del tennista serbo Novak Djokovic è stato annullato per la seconda volta. La decisione del ministro dell’Immigrazione australiano, Alex Hawke, di annullare il visto del campione a tre giorni dall’inizio degli Australian Open apre diversi scenari per il tennista serbo numero uno del mondo.

La prima ipotesi è che Djokovic accetti la decisione delle Autorità locali lasciando il Paese. Un’altra opzione prevede invece che i legali del n.1 del mondo impugnino la decisione chiedendo un riesame giurisdizionale: in caso di vittoria Djokovic giocherà regolarmente gli Australian Open, altrimenti dovrà lasciare l’Australia.

Nel frattempo il tennista serbo sarà posto in detenzione domani dopo essere stato sentito dalla polizia di frontiera e nel frattempo potrà restare a fianco dei suoi avvocati mentre preparano le richieste da presentare ad una nuova udienza prevista per domenica mattina. 

Secondo la stampa locale, nel caso in cui non venisse presentato appello Djokovic potrebbe essere nuovamente posto in detenzione presso il Park Hotel in attesa dell’espulsione.

 

Condividi