Il maestro zen vietnamita Thich Nhat Hanh, un leader spirituale, autore, poeta e attivista per la pace di fama mondiale, è morto il 22 gennaio 2022 a mezzanotte (TIC) nel suo tempio principale, il tempio di Tu Hieu, a Hue, in Vietnam. Aveva 95 anni.

“Il nostro amato insegnante Thich Nhat Hanh è morto pacificamente”, ha detto in una dichiarazione il suo sangha, la Plum Village Community of Engaged Buddhism. “Invitiamo la nostra famiglia spirituale globale a prendersi qualche momento per essere calma, per tornare al nostro respiro consapevole, mentre insieme teniamo Thay nei nostri cuori in pace e amorevole gratitudine per tutto ciò che ha offerto al mondo”.

Thich Nhat Hanh era in cattive condizioni di salute da quando aveva subito una grave emorragia cerebrale nel novembre 2014 e poco dopo il suo 93esimo compleanno, il 10 ottobre 2019, aveva lasciato il tempio di Tu Hieu per visitare un ospedale di Bangkok e rimase per alcune settimane a Thai Plum Village a Pak Chong, vicino al Khao Yai National Park, prima di tornare a Hue il 4 gennaio 2020. Era tornato in Vietnam alla fine del 2018, esprimendo il desiderio di trascorrere i suoi giorni rimanenti nel suo tempio principale.

Conosciuto dai suoi migliaia di seguaci in tutto il mondo come Thây, vietnamita per insegnante, Nhat Hanh era ampiamente considerato tra i buddisti come secondo solo a Sua Santità il 14° Dalai Lama per la portata della sua influenza globale. Autore di circa 100 libri, 75 in inglese, fondò nove monasteri e dozzine di centri di pratica affiliati e ispirò la creazione di migliaia di comunità locali di consapevolezza. Nhat Hanh è accreditato di aver reso popolare la consapevolezza e il ” buddismo impegnato ” (ha coniato il termine), insegnamenti che non solo sono centrali nella pratica buddista contemporanea, ma sono anche penetrati nella corrente principale. Per molti anni, Thich Nhat Hanh è stato uno spettacolo familiare in tutto il mondo, guidando lunghe file di persone in una silenziosa meditazione camminata “consapevole”.

Sebbene Thich Nhat Hanh fosse un insegnante e leader singolare e innovativo, era anche immerso nella tradizione buddista del suo nativo Vietnam. Più di ogni altro maestro Zen, ha portato il carattere essenziale del buddismo vietnamita – ecumenico, cosmopolita, impegnato politicamente, orientato artisticamente – al mix di influenze culturali che hanno alimentato lo sviluppo del buddismo in Occidente.

Oltre ai suoi seguaci in tutto il mondo, Nhat Hanh lascia molti fratelli e sorelle stretti nel dharma, in particolare la sorella Chan Khong. Amica di lunga data e attivista a pieno titolo, negli ultimi anni ha assunto un ruolo di leadership più pronunciato nel sangha.

Condividi