Lo Zitromax, così come il generico, l’Azitromicina, risulta essere introvabile nelle farmacie italiane da giorni. E’ l’antibiotico maggiormente utilizzato per evitare che i malati covid contraggano eventuali infezioni batteriche concomitanti. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Ansa, a mancare sarebbe la molecola necessaria per produrre il farmaco, il quale viene prescritto in associazione con gli antiinfiammatori. Negli ultimi 2 mesi le persone hanno usufruito molto dell’antibiotico in questione a causa della crescita dei contagi, motivo per cui il medicinale è divenuto introvabile. Inoltre, sottolinea sempre l’Ansa, ciò potrebbe però essere dovuto anche alle persone che, nonostante non abbiano contratto la malattia, per paura del contagio si sono assicurate il farmaco.

Il dato è confermato anche da Federfarma, “c’è una carenza evidente nelle farmacie italiane, tanto che le stesse farmacie non riescono a procurarselo, se non in quantità estremamente limitate dalla distribuzione intermedia”.

Cos’è Zitromax e a cosa serve

Zitromax è un farmaco che contiene il principio attivo dell’azitromicina, un antibiotico che appartiene al gruppo dei “macrolidi”.

Cosa fa l’azitromicina? Blocca la crescita dei batteri sensibili. Motivo per cui Zitromax è indicato, sia negli adulti che nei bambini sopra i 12 anni, per il trattamento delle infezioni delle vie respiratorie, causate da germi sensibili all’azitromicina, da lievi a moderate.

Per esempio, viene usato per:

  • peggioramento dei sintomi della bronchite cronica
  • infiammazione dei seni nasali (sinusite acuta)
  • polmonite, ad eccezione di quella contratta in ospedale o casa di cura

infiammazione delle tonsille (tonsillite) e della gola (faringite).

Attenzione però a ciò che vi viene prescritto. Perché nelle linee guida dell’Aifa emanate nel 2020, viene detto in maniera inequivocabile che non esistono correlazioni positive sull’utilizzo dell’azitromicina da sola o in associazione con altri farmaci per la terapia del Covid.

 

Condividi