Alluvioni in Italia: miliardi di euro stanziati su vari capitoli di spesa per decine di progetti, alcuni a lunga scadenza, altri immediatamente cantierabili.

▪️Sulla carta gli stanziamenti contro il dissesto idrogeologico sono corposi, tanto da far sperare in risultati concreti e rapidi. Invece nella realtà, come testimoniano le ultime notizie di cronaca, non si vedono.

▪️Le Regioni hanno il compito di rendere esecutivi i lavori, attraverso le risorse arrivate dallo Stato. «I fondi ci sono, ma non vengono adeguatamente spesi», dice Mauro Coltorti, senatore uscente (non ricandidato) del Movimento 5 stelle, in prima linea sul tema.

Ma dove finiscono i fondi stanziati?

▪️«Spesso con sub appalti a chi ha competenze in materia. Così tutto sfugge al monitoraggio, visto che al livello centrale il governo, attraverso i ministeri, non verifica davvero l’impiego delle risorse erogate», dice Mauro Coltorti, senatore uscente (non ricandidato) del Movimento 5 stelle, in prima linea sul tema.

▪️C’è poi la questione della farraginosità nella realizzazione. Secondo il dossier Rendis, realizzato dall’Ispra, in media occorrono 4,8 anni per completare gli interventi di messa in sicurezza del territorio. Oggi scopriamo che la stima rischia di dover essere aggiornata: le opere avviate a inizio di questa legislatura, 4 anni e mezzo fa, ancora non vedono la luce.

Condividi