Sanzioni alla Russia: cosa pensano davvero gli italiani?

Sanzioni alla Russia

Sanzioni alla Russia: cosa pensano davvero gli italiani? Rischio del price cap

▪️Secondo la rilevazione settimanale di Termometro Politico, realizzata tra il 30 agosto e il 2 settembre, la maggioranza degli italiani chiede un cambio di rotta.

▪️Di fronte all’impennata del prezzo del gas e dell’inflazione, infatti, il 51,1% si dichiara a favore di una revisione della politica adottata fin qui nei confronti della Russia.

▪️Il 28%, in particolare, ricorda che fin dall’inizio si era detto contrario ad ogni restrizione. Il 23,1%, invece, pur sostenendo – al momento dello scoppio delle ostilità – le sanzioni come risposta all’offensiva di Mosca, auspica adesso un’inversione di marcia. Obiettivo: «Rivedere l’atteggiamento verso la Russia».

Nel frattempo il vertice del G7, che si terrà venerdì, discuterà la fissazione del price cap al greggio russo. Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov afferma che sta iniziando una “grande tempesta globale” derivante dalle azioni dell’Occidente. E’ quanto riporta la Tass. La Russia, aggiunge Peskov, “sarà in grado di preservare la macrostabilità in mezzo a questa tempesta

E il portavoce del ministero degli Esteri cinese: “Le autorità cinesi si oppongono alla decisione dei paesi del G7 di imporre un tetto ai prezzi del petrolio russo e sono favorevoli a rivedere la posizione degli Stati membri del gruppo”.

Mosca ci avvisa: non ci venderà più nulla?

I commenti sono chiusi.

Torna in alto