L’agenda del Bilderberg 2022, l’annuale, e sempre super segreto, incontro dei dirigenti aziendali, banchieri, ceo dei media, leader del pensiero accademico e politici più ricchi e potenti del mondo, è centrata su disinformazione, deglobalizzazione e interruzione del sistema finanziario globale.

Si riuniscono a porte chiuse e discutono su come plasmare il mondo, perpetuando uno status quo che è stato estremamente vantaggioso per pochi eletti.

Il 68° Meeting del Bilderberg, a Washington, DC, è iniziato giovedì e si è concluso domenica 5 giugno.

Il CEO di Pfizer Albert Bourla, l’ex CEO di Google Eric Schmidt, Henry Kissinger e il direttore della CIA William J. Burns sono stati tra i 120 invitati (l’elenco completo) quest’anno da 21 paesi, anche se non molti russi.

Il Bilderberg è orgoglioso di far rispettare la Chatham House Rule, secondo la quale i partecipanti sono liberi di utilizzare tutte le informazioni preziose che desiderano perché coloro che partecipano a questi incontri sono tenuti a non rivelare la fonte di alcuna informazione sensibile o ciò che è stato detto esattamente. Ciò aiuta a garantire la leggendaria segretezza del Bilderberg, la ragione di una miriade di teorie del complotto.

Secondo quanto riportato sul sito, questa è la scaletta degli argomenti che hanno discusso:

  1. Riallineamento geopolitico
  2. Sfide della NATO
  3. Cina
  4. Riallineamento indo-pacifico
  5. Concorso tecnologico sino-americano
  6. Russia
  7. Continuità del governo e dell’economia
  8. Perturbazione del sistema finanziario globale
  9. Disinformazione
  10. Sicurezza e sostenibilità energetica
  11. Salute post-pandemia
  12. Frammentazione delle società democratiche
  13. Commercio e deglobalizzazione
  14. Ucraina

Come si può vedere, i membri (due terzi dei partecipanti dall’Europa e il resto dal Nord America) discuteranno (tracciando?) modi per gestire l’emergere di un mondo bipolare. Inoltre, l’agenda sembra essere una direzione lontana dalla libertà poiché il gruppo discuterà di piani per combattere la “disinformazione” o le élite che mettono a tacere i loro oppositori.

L’argomento principale è stato il “Riallineamento geopolitico” in seguito all’invasione russa dell’Ucraina. Il secondo riguarda le “Sfide della NATO” e probabilmente il modo in cui i membri europei scoraggeranno l’aggressione russa. E la terza è la Cina, mentre Pechino minaccia di invadere Taiwan.

In definitiva, ciò che viene deciso non vedrà mai la luce, anche se emergerà come una politica ufficiale che aiuta a servire l’élite del Bilderberg. E se la storia è un indicatore, non farà che peggiorare l’attuale situazione globale.

“Se il Gruppo Bilderberg non è una cospirazione di qualche tipo, è condotto in modo tale da dare un’imitazione straordinariamente fedele di essa”,

 C. Gordon Tether, scrittore per il Financial Times, nel maggio1975.

Condividi